HelloPula.com

Torri costiere

Città di Pula

mappa di Pula

 


Il territorio di Pula, sul lato est, è per intero costeggiato dal mare. Le spiagge sono numerosissime alcune delle quali sono famose e frequentatissime, altre invece meno conosciute. In questo momento vi parlerò delle spiagge della Baia di Nora e di Santa Margherita di Pula. Questi tratti di mare sono i più belli e nel periodo estivo una marea di persone le invade a partire dai mesi di maggio-giugno fino a settembre-ottobre. Ho voluto offrirvi alcune immagini del mare di Pula e darvi una breve descrizione delle caratteristiche di questi luoghi, sottolineando comunque che questa è solo una minima parte di ciò che c'è da vedere e da sapere sul meraviglioso mare della Sardegna. La sezione dedicata al mare di Pula, e in particolare alla fauna e la flora che lo caratterizza, merita sicuramente di essere ampliata e trattata in maniera più approfondita ed è mia intenzione realizzare tutto ciò quanto prima nelle pagine di questo sito.

Le spiagge della baia di Nora

La baia di Nora è formata da un golfo che parte da Punta Coltellazzo a Sud, per arrivare fino a un promontorio, verso nord, che ospita una zona che viene denominata "Batteria" per via di ex insediamenti militari della seconda guerra mondiale. Qui ci sono oltre a costruzioni abitative ristrutturate anche una serie di bunker e postazioni per l'artiglieria pesante ormai dismessi. Lungo tutta la baia sono presenti alberghi, ristoranti e altri servizi turistici e sono attivi servizi di trasporto urbani ed extraurbani.

Tutta la baia è formata da spiagge sabbiose. Percorrendo la strada che le costeggia via via si incontrano ingressi diversi ognuno dei quali porta a un tratto di mare. Le varie zone prendono nomi diversi a seconda delle caratteristiche del posto. Così abbiamo la zona di Nora denominata "La Banchina", quella di Sant'Efisio, zona "I Fichi" o "Scoglio Arrudinu", "La Marina", "Su Guventeddu" e così via. 

La spiaggia di Nora vera e propria va dalla punta sud fino alla chiesetta di Sant'Efisio. Questo tratto di mare è prevalentemente sabbioso con fondale basso e si gode della vista della torre di Nora sulla Punta di Coltellazzo.

Tutta quest'area è caratterizzata dalla presenza di resti archeologici sparsi qua e la collegati alle rovine dell'antica città. Si possono vedere alcuni resti nella zona della "Banchina", al livello dell'arenile e a ridosso della strada; vi sono altri ruderi nella zona della "Guardiania" vicino alla chiesetta di Sant'Efisio. 

Dall'altra parte della strada, verso ovest, c'è la laguna di Nora. Questa è una zona protetta dove vivono numerose specie animali e vegetali tipiche del mediterraneo. All'interno della laguna è possibile effettuare delle escursioni con la barca accompagnati da guide. In prossimità della laguna a sud-ovest c'è un porticciolo naturale utilizzato dai pescatori del posto, dove sono ormeggiate piccole imbarcazioni per la pesca lungo la costa. In direzione nord invece si va verso le spiagge di Su Guventeddu.

Superata la chiesetta di Sant'Efisio ci troviamo di fronte altre spiagge che si trovano nella zona di Su Guventeddu. Questo tratto di mare è caratterizzato da una barriera rocciosa naturale a filo d'acqua che attraversa tutta l'insenatura a una distanza di circa 200 metri dalla battigia. Nei periodi di bassa marea in quel punto la piattaforma rocciosa affiora dall'acqua. Molte persone si recano in questo luogo per la pesca subacquea o semplicemente per ammirare la bellezza del fondale marino abitato da polipi, ricci etc.


Le spiagge di Santa Margherita di Pula

Santa Margherita è una estensione dell'abitato di Pula anche se la sua storia e la sua origine differiscono da quelle della cittadina. Santa Margherita è formata da un piccolo centro urbano immerso nel verde di pini ed eucalipto, tutt'intorno le abitazioni diventano sempre più rare concentrandosi in determinate zone a formare  abitati residenziali prevalentemente condomini o comunioni. Moltissime di queste villette sono abitate solamente durante l'estate ed in altre ricorrenze durante l'anno.  

Dalla strada statale 195 si accede a Santa Margherita. Gli accessi principali sono tre.

 

L'ingresso centrale porta all'abitato di Santa Margherita, gli altri due costeggiano il lungo mare con panorami bellissimi e permettono di raggiungere comunque il centro. Percorrendo una di queste strade si arriva alle spiagge in particolare nella località Cala d'Ostia, dove l'arenile è molto spazioso, la sabbia è finissima e le acque sono naturalmente limpide. Dall'altra parte della strada si susseguono i campeggi estivi immersi nelle pinete e strutture alberghiere. Sono attivi servizi di trasporto urbani ed extraurbani.